Sulle orme di G.K. Chesterton

Volano (Tn) sabato 23 novembre 2013
Aula magna delle scuole elementari

In questa iniziativa, vogliamo seguire Chesterton nel suo cammino di Speranza in opposizione alla “Modernità che pretende di fare a meno di Dio, e come conseguenza scivola nella pazzia e nella più fredda e calcolata delle malvagità”.

Organizzato da
Associazione culturale “La Torre” – www.associazionelatorre.com

Con il Patrocinio di
Comune di Volano – www.comune.volano.tn.it
Società Chestertoniana Italiana

Sulle orme di Chesterton, un cammino di Speranza – Di Paolo Gulisano
Gilbert Keith Chesterton ci ha lasciato una produzione decisamente abbondante, consona al suo autore. Accanto alle ben note opere narrative, tra le quali spiccano i racconti di Padre Brown, nonché i romanzi, ricchi di immaginazione fantastica, da Il Napoleone di Notting Hill a L’Osteria Volante a L’uomo che fu Giovedì, Chesterton fu eccezionale saggista, e il suo talento sfornò in tale attività opere come Ortodossia o le biografie di santi come Francesco d’Assisi e Tommaso d’Aquino.

Chesterton si fece – come ebbe a dire egli stesso- Avvocato Difensore della Fede e della ragionevolezza, dei diritti dell’uomo e di quelli di Dio, entrambi minacciati dalle ideologie della modernità: la volontà di potenza, la trasgressione, lo scioglimento da ogni vincolo e principio per affermare una propria orgogliosa autosufficienza.

Una Modernità che pretende di fare a meno di Dio, e come conseguenza scivola nella pazzia e nella più fredda e calcolata delle malvagità.

La sfida impari e folle viene lanciata da questo strano avvocato difensore, da un coraggioso giornalista e scrittore, appassionato investigatore della Verità,continua ancora oggi, a 75 anni dalla morte di uno scrittore ancora oggi letto e amato, e le cui virtù eroiche vengono sempre più apprezzate.

Egli rappresenta il contrasto tra la fede semplice e intensa, di sapore antico, e il disincanto scettico del mondo moderno.

Con l’uso sapiente del paradosso, Chesterton non si limita a far sorridere il lettore: gli svela che la conseguenza più deleteria della scristianizzazione non è stato il pur gravissimo smarrimento etico, ma lo smarrimento della ragione. Il mondo che rifiuta Dio, che gli volta le spalle, che vuole fare a meno di Lui, impazzisce, e mette sotto accusa, e condanna, cose belle e buone, cose che egli invece si impegna a salvare .

Chesterton si assume una difesa di persone e cose concrete, e allo stesso tempo fa proprio il compito che la Chiesa ha da duemila anni: salvare l’uomo dal nulla e dalla distruzione.

Paolo Gulisano (Milano, 1959), medico e scrittore, è considerato uno dei maggiori esperti di Letteratura Fantasy, sulla quale ha pubblicato numerosi saggi e articoli. Grande conoscitore della cultura britannica, è autore di saggi su J.R.R. Tolkien, Chesterton, Lewis, Belloc, Oscar Wilde, di testi sull’Irlanda e sul mondo celtico, da Re Artù a Peter Pan, gran parte dei quali costituisce un unicum nella pubblicistica italiana. È anche collaboratore di numerose riviste, radio e siti internet e recentemente ha esordito nella narrativa dando seguito alle avventure di padre Brown.

Locandina dell’evento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *